Famiglia e mercato: che cosa vuol dire naturale

Trobriand

Adriano Favole

Bronislaw Malinowski, antropologo ed etnologo di origine polacca, fu il primo a compiere una lunga ricerca sul campo tra il 1915 e il 1918. Il territorio della sua ricerca furono le Isole Trobriand, un arcipelago dell’Oceania situato a nord dell’Australia. Gli abitanti di queste isole, i Trobriandesi, sono orticoltori: il principale prodotto delle loro coltivazioni è l’igname, un grande tubero. I villaggi sono organizzati attorno a una piazza centrale in cui si svolgono riti e danze. In questa società non sono i padri a occuparsi dei figli bensì gli zii materni. Malinowski scoprì che i Trobriandesi non vivevano isolati dal resto del mondo. Essi erano impegnati in uno scambio di oggetti preziosi (collane e bracciali di conchiglia) con gli abitanti di isole lontane anche centinaia di chilometri di mare, che raggiungevano a bordo delle loro canoe.

Ecco come Malinowski presentava l’etnologia nel 1922: “Ciò che mi interessa veramente nello studio dell’indigeno è la sua visione delle cose. Ogni cultura umana dà ai suoi membri una precisa visione del mondo, un preciso gusto della vita. Nei vagabondaggi lungo il corso della storia umana e sulla superficie della terra, è la possibilità di vedere la vita e il mondo dai vari angoli particolari di ciascuna cultura che mi ha sempre affascinato più di ogni altra cosa e mi ha ispirato il desiderio di capire le altre culture e di comprendere altri tipi di vita. Fermarsi per un attimo di fronte a un fatto bizzarro e singolare, riderne e vederne la stranezza esteriore, guardarlo come una curiosità e ammucchiarlo nel museo della propria memoria o nel magazzino dei propri ricordi, questo atteggiamento mi è sempre stato estraneo e ripugnante. Alcune persone sono incapaci di capire l’intimo significato di tutto ciò che appare a prima vista strano e incomprensibile in una cultura diversa. Queste persone non sono nate per fare gli etnologi.

Noi non possiamo conoscere noi stessi se non lasciamo mai i ristretti confini dei costumi, delle credenze e dei pregiudizi entro cui ogni uomo nasce. Niente può aiutarci di più in tale questione di estrema importanza dell’atteggiamento mentale che ci consente di trattare le credenze e i valori di un altro uomo dal suo punto di vista. Né mai l’umanità civile ha avuto bisogno di questa tolleranza più di adesso, quando i pregiudizi, la cattiva volontà e lo spirito di vendetta dividono le nazioni europee, quando tutti gli ideali, nutriti e proclamati come le più alte realizzazioni della civiltà, della scienza e della religione sono stati gettati al vento”.

(Bronislaw Malinowski, Argonauti del Pacifico Occidentale)

Bronislaw_Malinowski-eticismo-antropologia-milenio_laberinto-argonautas_MILIMA20150101_0072_11

Adriano Favole
I selvaggi smisero di essere selvaggi
Il Corriere della Sera La Lettura, 2 agosto 2015

Amava la montagna, tanto da passare lunghi periodi estivi a Soprabolzano con la moglie i figli, in una casa che appartiene tuttora ai suoi discendenti. La sua notorietà si deve però ad alcune isole coralline,situate al largo di Papua Nuova Guinea, in Melanesia. Alle isole Trobriand, Bronislaw Malinowski costruì il “mito” dell’antropologo camaleonte, capace di “cogliere il punto di vista del nativo” (come lui stesso scriveva): il mito di fondazione di una disciplina che si propone di allargare lo spettro di conoscenza dell’umanità.
Un secolo fa, nel giugno del 1915, Malinowski metteva piede per la prima volta a Kiriwina, nell’arcipelago delle Trobriand in cui sarebbe rimasto, salvo brevi rientri in Australia, per tre anni, 1915-1918: le date si sovrappongono non a caso, con quelle della Grande guerra. Nato a Cracovia, Malinowski andò a studiare antropologia alla London School of Economics. Nel 1914 si trovava a Sidney per un convegno e per intraprendere una ricerca sull’organizzazione parentale degli aborigeni australiani. Lo scoppio della guerra lo costrinse, in quanto cittadino dell’impero austro-ungarico, a un lungo e produttivo confino nei mari del Sud, di cui approfittò per mettere a punto, prima sulle coste orientali della Nuova Guinea (Mailu) e poi alle Trobriand e dintorni, il metodo dell’etnografia o osservazione partecipante. La conoscenza dell’ “altro” doveva scaturire da forme di intensa condivisione e empatia, favorite da una prolungata e continua residenza “sul campo”. Le date si sovrappongono anche simbolicamente: da un lato la guerrametteva in crisi l’ideologia del progresso e sollevava forti dubbi sulla natura della civiktà europea; dall’altro Malinowski documentava l’esistenza di altre civiltà, ben diverse da quelle che popolavano (e popolano tuttora, ahimè) l’immaginario primitivista occidentale.
Tanto per cominciare, i trobriandesi erano (e sono anche oggi) tutt’altro che una società chiusa. Nel suo lavoro più conosciuto, Argonauti del Pacifico Occidentale, Malinowski descrisse l’esistenza alle Trobriand di uno scambio sontuoso su lunga distanza (detto kula) di oggetti privi di valore utilitario. Una forma di relazione interinsulare e interculturale attraverso cui si dipanavano complesse reti di relazioni politiche, economiche e parentali e che impregnava di sé la vita quotidiana dei nativi.
“Un altro concetto che si deve demolire una volta per tutte è quello dell’ “uomo economico primitivo” che si trova in certi manuali correnti di economia”, scrive Malinowski (per inciso, lo si trova tuttora, in genere nelle pagine sul baratto!). “Anche un solo esempio ben circostanziato mosrerebbe uanto assurdo sia questo assunto che l’uomo, e in particolare l’uomo a un basso livello di cultura, sia guidato da motivi puramente economici di chiaro interesse personale. Il trobriandese lavora spinto da motivi assai complessi di natura sociale e tradizionale, mirando a obiettivi che non hanno certo molto a che vedere con la soddisfazione di desideri presenti o con il raggiungimento immediato di fini utilitari”.
Per esempio Malinowski descrive la minuziosa cura estetica dei campi di tuberi da parte degli agricoltori locali, mostrando come gran parte della produzione fosse riservata agli scambi e all’ostentazione. Anche internamente, una fitta rete di relazioni sociali, modellata da valori, idee e aspettative legava tra loro gli abitanti dell’arcipelago. L’etnografia di Malinowski fornì a Marcel Mauss gran parte degli spunti per l’elaborazione della teoria del “dono”, la cui portata purtroppo ancora sfugge a un mondo sempre più dominato dall’ideologia utilitarista e monolitica dell’homo oeconomicus.

°°°

Come ha mostrato James Clifford, il successo di Malinowski deve molto a uno stile di scrittura vivace, romanzesco, epico in alcune parti. “Quando entriamo nella laguna, seguendo gli intricati passaggi tra le secche, e ci avviciniamo all’isola principale, il denso groviglio opaco della bassa giungla si interrompe qua e là su una spiaggia, sicché possamo scorgere un boschetto di palme che sembra una volta sorretta da pilastri”: bastano alcune pennellate paesaggistiche per tratteggiare lo stile di un autore che amava Conrad (lo aveva incontrato nel 1913) e sapeva compiacere il pubblico anche con la scelta di titoli a sfondo esotico / erotico. Esche narrative, che nascondevano però proposte teoriche tutt’altro che compiacenti e superficiali, come la messa in discussione dell’universalità del complesso edipico: in una società matrilineare, in cui i figli “appartengono” al gruppo della madre, in cui è lo zio materno a esrcitare l’autorità paterna, in cui il genitore maschile è solo un generoso e premuroso compagno della mamma, che bisogno c’è di “uccidere” il padre?

La critica postmoderna si è accanita contro Malinowski, soprattutto a partire dalla contestata pubblicazione nel 1967, da parte della vedova, dei suoi diari privati di campo. In queste scritture intime, l’antropologo appare immerso nei dubbi, infastidito dalla prolungata esperienza di campo, persino intollerante verso gli abitanti delle Trobriand. I diari sono stati usatiper criticare le pretese oggettiviste della ricerca e come emblema di quella crisi della rappresentazione e della “verità” che è un po’ la cifra del postmodernismo antropologico. Malinowski (come gran parte della sua generazione) è stato accusato di essere andato alla ricerca di mondi isolati ed esotici e di ssere stato incapace di dar conto delle profonde trasformazioni che il cristianesimo e il colonialismo avevano già operato. Chi immaginerebbe, leggendo le sue monografie, che, proprio in quegli anni, non pochi oceaniani combattevano e morivano nelle trincee della Grande guerra? E ancora, come mostreranno gli studi di Annette Weiner negli anni Settanta, gli scritti di Malinowski furono il prodotto di un etnografia parziale, perché inevitabilmente legata allo sguardo maschile dell’antropologo.

14+trobriand-ae-05

Eppure le monografie di Malinowski mantengono una intensa vitalità; il metodo dell’etnografia, sperimentato per la prima volta un secolo fa, ha travalicato i confini dell’antropologia, contagiando seriamente sociologi, psicologi, analisti di mercato; il commercio kula, contro le stesse previsioni dell’autore, esiste tuttora e ha incorporato nuove rotte e nuove relazioni interculturali. Ciò che resta di Malinowski è, soprattutto, la capacità di sedurre con la scrittura, a partire da una esperienza diretta e concreta di incontro, condivisione e ascolto (non priva i tensioni, come mostrano i diari). Abbastanza per continuare ad attrarre l’attenzione di schiere di giovani lettori, un secolo dopo, in un’epoca scientifica dominata da freddi, distanti e astratti indici e indicatori che raramente sanno cogliere, qui e altrove, “il punto di vista del nativo”.

http://www.doppiozero.com/materiali/lettura/eppur-si-dona

http://terzotriennio.blogspot.it/2012/09/loccidente-riscopre-il-dono.html

http://lettura.corriere.it/quando-il-vero-padre-era-lo-zio-materno-le-altre-convivenze/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...