La morte messa in scena

Stasera-in-tv-Omicidio-in-diretta-con-Nicolas-Cage-su-Rai-3-5lumia_2660839b

Tiziano Scarpa

Un assassinio a colpi di smartphone

Internazionale, 27 agosto 2015

Ogni terrorista è un predicatore con un manoscritto inedito da diffondere. La strage spesso è una forma di pubblicazione e propaganda. I comunicati delle Brigate rosse erano parte integrante delle loro azioni. Theodore Kaczynski, Unabomber, promise di smettere di spedire pacchi esplosivi in cambio della pubblicazione del suo Manifesto (un centinaio di pagine): un ricatto mediatico a cui l’Fbi cedette; il Manifesto apparve sul New York Times e sul Washington Post. Anders Behring Breivik definì il massacro di Utøya “un’operazione di marketing” per diffondere il suo manifesto ideologico (millecinquecento pagine). Questa volta, Bryce Williams ha mandato un fax di ventitré pagine ad Abc News. È l’aspetto mediaticamente “antico” di questo massacro, che evidenzia come sono cambiate le cose in pochi anni. Pur potendo postare un testo in rete (così come ha fatto per il video), Bryce Williams ha cercato anche una risonanza mediatica tradizionale, passando attraverso il filtro di una redazione (tra l’altro, con un fax! Un medium obsoleto, che mantiene, come un residuo tecnologico di autorevolezza, il supporto cartaceo). Abc News ha diffuso stralci del fax, in cui Williams sostiene di avere agito in seguito al massacro nella chiesa di Charleston del 17 giugno scorso e alle reazioni razziste dei suoi colleghi.

lassonellamaica-poster1

Antonio Scurati

Se lo schermo cancella la pietà

La Stampa, 27 agosto 2015

La pietà l’è morta. Non siamo solo di fronte all’uccisione feroce di due individui, ma anche all’uccisione della pietà come fondamentale sentimento umano.

… Il terrorismo globale è in buona parte e nella sua essenza, un terrorismo mediatico, sia esso motivato dalla creazione di un fantomatico califfato o dalle mire individuali di un assassino delirante. La novità assoluta e aberrante di questa ferocia in diretta televisiva o via Internet è che consente di uccidere annientando il sentimento di pietà che da sempre funge da freno alle pulsioni aggressive e omicide.

Da un lato della violenza l’assassino che regge la pistola in una mano e la videocamera nell’altra usa la videocamera come diaframma che lo separa dalla sua vittima. L’uomo che sta uccidendo è già per lui soltanto un’immagine. Dall’altro lato della violenza, il pubblico globale viene ridotto a spettatore estraneo e tendenzialmente indifferente rispetto allo spettacolo di morte. Il dispositivo mediatico che illude di essere presenti e partecipi alla tragedia mentre ce ne stiamo comodamente seduti sul divano di casa nostra a guardare la tv, giorno dopo giorno, assassinio dopo assassinio, ci rende sempre più difficile immedesimarci davvero nelle vittime e provare pietà per loro.

jack-ruby-shoots-oswald

Aldo Grasso

Sparatoria in Virginia, le due telecamere e il tabù infranto

Corriere della Sera, 27 agosto 2015

Si fa presto a dire la morte in diretta, ma una scena così atroce non si era mai vista. Un killer uccide a colpi di pistola la giornalista televisiva Alison Parker, 24 anni, di una rete locale della Cbs e il cameraman Adam Ward, 27 anni, mentre stanno effettuando un’intervista. Sono immagini terrificanti: il volto della giornalista, che vede l’assassino avanzare e sparare, esprime l’orrore più grande che si possa immaginare. Seguiamo i suoi ultimi disperati tentativi di sfuggire la morte: la giovane si gira urlando, cerca di nascondersi, grida «oh mio Dio», prima che la telecamera del cameraman cada a terra. Cascando, la telecamera riesce a inquadrare per un attimo il volto dell’assassino. Dallo studio, la regia taglia la diretta: la conduttrice è sotto choc, senza parole. Riprende poi fiato: «Non siamo sicuri di cosa sia successo lì. Cercheremo di capire cosa fossero quei suoni». Poi arriva l’annuncio della morte della reporter e del collega.

Ma non basta: l’incubo più grande deve ancora arrivare. Vester Lee Flanigan, un afroamericano che aveva lavorato per quel network utilizzando il nome Bryce Williams, posta sui social il filmato del delitto visto dalla sua prospettiva, quella dell’omicida (come fanno i tagliagole dell’Isis). Nel video, girato con il telefonino, si vede spuntare una pistola in primo piano, prima che inizi l’assurda resa dei conti.
Per la prima volta la morte in diretta ha due punti di vista, quello delle vittime e quello dell’assassino. Come se un tetro gioco di specchi raddoppiasse la tragedia. Il nesso tra la morte e la sua rappresentazione in diretta è uno dei temi cruciali che attraversano le riflessioni sui media, uno di quei temi cui il cinema ha dedicato attenzione, a partire da L’asso nella manica di Billy Wilder a La morte in diretta di Bernard Tavernier, da Dentro la notizia di James L. Brooks ai cosiddetti «snuff movie», filmati amatoriali in cui vengono esibite torture con conseguente, inevitabile epilogo. Da tempo, per i media la morte non è più un tabù: dev’essere raccontata, mostrata, esibita quasi per la paura che una tragedia non vista resti invisibile, cioè inesistente. Ma i media siamo noi, sempre più pornograficamente addestrati a pedinare la morte in diretta. Inutile dare la colpa ai social network, alla mania narcisistica di dover certificare la nostra giornata con foto, video, messaggi.
Da tempo (per noi italiani, almeno dalla tragedia di Vermicino) qualcosa si è spezzato per sempre, la morte si è fatta spettacolo, il nostro occhio si è indurito. Il catalogo delle atrocità è così sterminato che le domande legittime rattrappiscono sul nascere: un «accrescimento senza progresso», diceva Musil, che si risolve nella tranquilla connivenza della tragedia e del suo contrario.

Il dramma di Moneta, in Virginia, ci dice soltanto che un nuovo tabù è stato abbattuto, che un nuovo limite è stato infranto. Ovunque censurata e dissimulata, la morte sembra risorgere in tv nelle vesti dell’imprevisto o come offerta sull’altare delle emozioni. Le immagini condivise sui social dall’assassino sono tanto più terribili quanto più svuotate di qualsiasi sostanza etica: le atrocità crescono, ma nessuno vuol rinunciare a fornire il proprio contributo al patrimonio della ferocia umana.
Non è lo spettacolo che «deve» andare avanti, è la vita. Da molti anni, molta parte della nostra vita si svolge con l’apporto attivo della tv e dei social network. I media sono i nostri nuovi ambienti di socializzazione, «luoghi» in cui impariamo a comportarci, a divertirci, a soffrire. Persino a filmare il duplice delitto che stiamo per commettere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...