Un marziano nella città Santa, fine di un’avventura

Federico Geremicca
Il prezzo salato che paga il Pd
La Stampa, 9 ottobre 2015

… Un «marziano a Roma», si è scritto. E a stupire, negli ultimi mesi, è stata proprio la sottovalutazione da lui mostrata verso quel che faceva e diceva. E’ possibile per il sindaco di Roma polemizzare direttamente col Papa o gridare alla destra «tornate nelle fogne» o mentire deliberatamente sulle spese per pranzi e cene? E soprattutto: è possibile non cogliere la gravità di tutto ciò?
Ignazio Marino non l’ha colta, ed ha preferito affrontare le critiche ricevute snobbandole, rimettendo il disco rotto del complotto sotterraneo e rifugiandosi nella solita e discutibilissima trincea del «dopo di me il diluvio» (in questo caso: dopo di me, la mafia). Anche il suo passo finale, come detto, trasuda di una sorta di ingiustificabile inconsapevolezza: e che sia genuina o artefatta lo capiremo nei prossimi giorni.
Quanto al Pd ed al suo segretario, pagano oggi il prezzo di averla tirata troppo per le lunghe. Tentennamenti e rinvii, naturalmente, avevano ed hanno una spiegazione: evitare elezioni ravvicinate a Roma per il timore di perderle. La scelta, insomma, era tra la padella (Marino) e la brace (il voto anticipato): ma per tentare di evitare la seconda, hanno finito per cominciare a bruciarsi già con la prima. Con buona pace della città e dell’imminente Giubileo…

Norma Rangeri
Il sindaco giubilato
il manifesto, 9 ottobre 2015, editoriale

A Roma i marziani durano poco. E questa volta non serve la fantasia di Flaiano per capire cosa accadrà. Alla fine, come nel celebre racconto, l’extraterrestre dovrà tornare a casa,e magari a pensare alla salute. Il sindaco marziano, diversamente dal personaggio letterario accolto con curiosità e simpatia, è rimasto subito sullo stomaco a larga parte del Pd. Non a caso è stato il suo stesso partito a dimissionarlo, con la “mozione di sfiducia” dei tre assessori indicati dal presidente del consiglio, Renzi. La pressione è stata fortissima, e Marino ieri si è dovuto arrendere, lasciando la guida del Campidoglio. Chissà se gli è venuta in mente la famosa battuta recitata da Vittorio Gassman: «M’hanno rimasto solo…».
Si possono mettere in fila le continue gaffes e le bucce di banana — ultima la più fastidiosa: gli scontrini — che hanno offerto l’ex sindaco come una ciliegina sulla torta al vasto schieramento che aveva iniziato a cucinarlo a fuoco lento da tempo.
Basta rivedere lo “spettacolo” offerto da Roma negli ultimi anni: da una parte i poteri economici e politici (ammesso che una tale distinzione abbia ancora senso), dall’altro un personaggio un po’ narciso, maldestro. Perché è indubbio che il sindaco Marino ci abbia messo del suo fin dall’inizio, quando 28 mesi fa osò sfidare l’apparato del Pd romano, quello di mafia capitale. Perciò dovrebbero vergognarsi un po’ le persone e le forze politiche che mettono Marino nel calderone del più grande scandalo avvenuto a Roma negli ultimi anni. E dovrebbero riflettere anche tutti quelli che ieri sera festeggiavano l’annuncio delle dimissioni.

La verità è che Marino era stato dimesso a mezzo stampa già da tempo, molto prima delle vicende degli scontrini (più che spese pazze, spese confuse), usati per fargli pagare il conto non del ristorante ma dei grandi affari in cui ha messo il naso.
Oltretutto l’ex sindaco non solo si è mosso con la delicatezza di un elefante nei palazzi romani, perché non ha avuto riguardi nemmeno per i sacri portoni vaticani. Lo avevano appena incoronato che già si pronunciava a favore della fecondazione assistita (eterologa per giunta), che già allestiva cerimonie ufficiali e in pompa magna per le coppie gay, mettendosi in prima fila al gay-Pride.
Un vero marziano nella città Santa.
Non stupisce la vita difficile della sua giunta, rimpastata più volte e sempre sull’orlo di una crisi di governo. Con il partito di riferimento spianato dalle inchieste giudiziarie, con una destra pronta a sventolare le bandiere nere sul Campidoglio, con un’opposizione a 5Stelle presente nelle periferie.
L’anomala avventura portava dentro di sé il virus di una fine prematura.
Adesso la città viene consegnata a prefetti e commissari per la prossima manna del Giubileo. I tecnici prenderanno il governo della capitale, distribuiranno pani e pesci, cercheranno di riavvicinare le due sponde del Tevere per preparare il terreno alle elezioni di primavera. Magari per il candidato del partito della nazione. Un esito, tuttavia, assai improbabile.
Perché questo non è solo il caso Marino: è la crisi di un partito romano profondamente inquinato e logorato.
http://www.unita.tv/opinioni/bentornato-sulla-terra-sindaco/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...