Giorgio Napolitano comunista

Alessandro Sallusti
Altro che ossessioni. La verità oscurata su Giorgio Napolitano
Il Giornale, 15 ottobre 2015

“Ho pietà per le patologiche ossessioni di Berlusconi, per questo non lo querelo”, ha scritto l’altro giorno Giorgio Napolitano in un foglietto fatto recapitare al capogruppo di Forza Italia, Paolo Romani, durante le ultime votazioni sulla riforma del Senato. l’ex presidente in aula, a sorvegliare che tutto andasse secondo i suoi desideri, cosa chein effetti è successa. E’ stato infatti lui a mettere in riga, dall’alto della sua “autorità morale”, i dissidenti del Pd che quella riforma non l’avrebbero mai votata. Il vecchio comunista mai pentito si vuole godere lo spettacolo di cui scrisse la sceneggiatura nel segreto delle stanze del Quirinale: tutto il potere alla sinistra, annientamento del centrodestra berlusconiano. Ha “pietà” per chi sostiene che per fare questo lui ha violato il giuramento di difendere la Costituzione, ha tramato con imprenditori e banchieri, ha preso accordi con Stati esteri, ha attirato a sé con la lusinga leader politici del centrodestra (da Fini ad Alfano) per provocare scissioni, ha permesso l’espulsione del leader dell’opposizione dal Senato facendo applicare una legge in modo retroattivo. Le chiama “patologiche ossessioni” quando invece sono fatti accertati e documentati da più fonti.

E per il futuro non c’è da stare tranquilli, se a Napolitano sarà concesso di tessere la sua tela dentro e fuori dal Senato. Vorrebbe dire che i protagonisti del complotto del 2011 sono ancora attivi. Dopo aver fatto passare per banditi e matti i cittadini ungheresi che nel 1956 si volevano libertare dal giogo sovietico, ora Napolitano ci prova con quelli italiani che si sono riconosciuti e si riconoscono in una stagione politica di libertà. Cose per cui nei suoi confronti non proviamo nessuna “pietà”. E’ un uomo pericoloso e in mala fede. E’ un comunista.

Annunci

2 pensieri su “Giorgio Napolitano comunista

  1. A Pier Ferdinando Casini, con cui parla per 10 minuti in aula subito dopo il voto, confida il suo stupore per le parole dell’ex Cavaliere: “Lui si ricorda solo il 2011 ma dimentica il 2010 quando diedi 45 giorni al suo governo per affrontare un voto di fiducia” (Goffredo De Marchis, la Repubblica, 14 ottobre 2015). In una certa fase Napolitano è stato largo di concessioni verso Berlusconi. Poi nel 2011 ha decisamente cambiato rotta. Si è mosso nella legalità determinando la caduta del governo presieduto dal Cavaliere. Certo è stato un colpo premeditato, ma sarebbe stato strano il contrario.

  2. Le opzioni tecniche di questo tipo di blog (tra cui c’è anche il mio, neonato, fatto in casa e ancora preistorico, diciamo in fase di perfezionamento) non sono ancora abbastanza evolute e diversificate come meriterebbe la varietà e la qualità dei contenuti, gli articoli.
    Infatti stavolta non sono proprio riuscita a fare click sul “mi piace” con la stellina accanto. Non posso limitarmi ad un generico mi piace per questo articolo di A. Sallusti. Potrei dire che è sempre interessante leggere un’opinione su un personaggio politico di rilievo come l’ex Presidente della Repubblica proprio perché proviene da una fonte che esprime una caratterizzazione ideologica talmente impregnata di preconcetti che sembra finta. Giusto però che in blog ci siano anche art. come quello di cui parliamo. Sono un’occasione sempre di confronto (e sconforto) con altri.
    Non sono in grado di lanciare giudizi su Giorgio Napolitano, ricordo però che in pieno berlusconismo io e famiglia eravamo in trepida attesa dell’ultima parola che il Presidente avrebbe detto sui vari decreti, leggi e leggine ad-personam , tentativi di modifiche costituzionali ecc. che il Governo di allora cercava di far passare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...