Patricia e Jennifer

Stefania Piras, Bruxelles. Patricia Rizzo è morta, Il Messaggero, 25 marzo 2016

Patricia [Rizzo, 48 anni, uccisa alla stazione di Maelbeek] era figlia unica, nata in Belgio da una famiglia originaria di Calascibetta, un piccolo paese in provincia di Enna. Il nonno era arrivato in Belgio come minatore, papà Gaetano aveva aperto un ristorante in centro a Bruxelles. Patricia aveva un figlio di 17 anni, Jonathan. Aveva lavorato a Torino all’ETF, la Fondazione europea per la formazione professionale, poi si trasferì a Parma nel 2005 quando nella città emiliana era stata inaugurata la sede dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare dove aveva lavorato per tre anni come assistente di direzione dei massimi vertici dell’Agenzia, Geoffrey Podger e Catherine Geslaine-Lanéelle. Poi tornò a Bruxelles all’Agenzia europea degli audiovisivi e infine al Consiglio europeo per la ricerca. L’ex marito Chris ha pubblicato le foto del giorno del loro matrimonio e l’ha definita «una madre straordinaria». I messaggi di condoglianze si affollano. Come quello dell’amica e collega Alessandra Fantini: «Addio Pat. Cara amica. Quante risate insieme». Patricia è ricordata come «una persona aperta, sorridente». «Quando andò via da Torino non si lasciò andare a nessun commento» ricorda Alessandra. «Una perdita inconcepibile» per i vertici dell’Efsa […].

Ma ieri dalla polizia di Acquisgrana è arrivata la notizia della morte di un’altra ragazza di origini italiane: Jennifer Scintu. Nata e cresciuta in Germania, Jen, aveva 29 anni, e martedì mattina era davanti al check-in dell’American Airlines con il marito Lars Waetzmann. Stavano partendo per New York per festeggiare un anno di matrimonio. Ora Jennifer è morta e Lars è in coma. Una delle tante foto insieme è a Porto Ainu, in Gallura. Avevano passato spesso le vacanze in Sardegna perché la mamma di Jennifer, Miriana, è originaria di Ales, piccolo centro noto per essere il paese natale di Antonio Gramsci. All’inizio degli anni Sessanta i nonni di Jennifer avevano deciso di emigrare in Germania dove sono nati Claudio, che è poi diventato un calciatore di successo, Ivana e Miriana. Quando gli attentati del 13 novembre sconvolsero Parigi Jennifer aveva postato una foto listata a lutto: «Pray for Paris». Ora la bacheca che era stata inaugurata per ritrovarla è piena degli stessi identici messaggi di dolore e angoscia. [Foto, Jennifer Scintu con il marito]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...