L’ora dei lupi solitari

Federico Petroni
Da Charlie Hebdo a Rouen, l’evoluzione del terrorismo in Francia
Limes, 26 luglio 2016

Stamattina, nella chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray, sobborgo di 28 mila anime di Rouen in Alta Normandia, due uomini armati di coltelli hanno preso in ostaggio alcuni fedeli e il parroco, uccidendo quest’ultimo e ferendo gravemente un’altra persona, prima di essere eliminati dalla polizia. Si tratta del primo episodio del genere contro un istituto di culto cristiano in Francia.


Il presidente Hollande, recatosi sul luogo, ha detto che “i due terroristi si sono richiamati a Daesh”, la sigla araba con cui l’Occidente ha scelto di identificare l’Organizzazione dello Stato Islamico (Is). Il quale, a sua volta, attraverso il suo canale d’informazione Amaq, ha definito gli assalitori propri “soldati”, ricalcando la formula impiegata per rivendicare i recenti episodi in Germania.


Uno dei due responsabili era noto alle autorità per aver tentato di recarsi in Siria a combattere: fermato in Turchia, era stato rispedito in Francia, dove era agli arresti domiciliari, dotato di braccialetto elettronico e di permesso di uscita dalle 8.30 alle 12.30.


In attesa di verificare se davvero esista un concreto collegamento tra l’organizzazione guidata da Abu Bakr al-Baghdadi e questo episodio, si può rilevare una tendenza in atto nel terrorismo commesso (o ispirato) dal “califfato”.


Stiamo assistendo al passaggio da operazioni di commando paramilitari (sullo stile del 13 novembre a Parigi) pianificate da membri dello Stato Islamico o comunque condotte da persone con un’istruzione jihadista (è il caso degli autori dell’attacco a Charlie Hebdo e al supermercato kosher) a iniziative di lupi solitari con pochi complici e scarna organizzazione, per di più in cittadine periferiche.


Attentati impossibili da prevedere, ancor prima che da prevenire.


Sembra, questo, un sintomo dell’efficacia della propaganda jihadista, che ha spesso incitato a commettere violenze con qualunque mezzo a propria disposizione, basti pensare a quanto invocava un portavoce dell’Is nel settembre 2014.


Efficacia di cui sembra però essere caduto vittima anche Hollande, che a Rouen non ha tardato a intonare per l’ennesima volta il ritornello “Daesh ci ha dichiarato guerra. Una guerra che dobbiamo condurre con ogni mezzo possibile nel rispetto della legge, cosa che ci rende una democrazia”.


Se si trattasse di violenze episodiche non organizzate direttamente dall’Is ma unite dall’unico filo rosso dell’emulazione e della propaganda, il nemico non sarebbe l’Is stesso bensì le sue capacità comunicative. Oltre all’evidente affanno delle nostre società e delle loro capacità d’integrazione.


Tutta un’altra cosa. Soprattutto, una questione non bellica.

http://www.corriere.it/politica/16_luglio_26/rogan-vogliono-violenza-terrorismo-d12f9ec4-5374-11e6-ae43-c1c76a863041.shtml

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...