Come scatta l’amore

J.W. Goethe
I dolori del giovane Werther (1787)

16 giugno

… Ero sceso di carrozza, e una domestica, venuta al cancello, ci pregò di pazientare un momento, che Madamigella sarebbe venuta subito. Attraversai il cortile, andai verso la casa ben costruita e quando salii la scala esterna e spinsi la porta, si presentò ai miei occhi lo spettacolo più delizioso che mai avessi visto. Nella sala d’entrata sei bambini, di età dai due agli undici anni, si agitavano intorno a una fanciulla, di bella presenza, di giusta statura, vestita di una semplice abito bianco con nodi di nastro rosa al petto e alle braccia. Aveva in mano un pane nero e tagliava a ciascuno dei piccoli che le erano intorno un pezzo proporzionato all’età e all’appetito; lo porgeva a ognuno gentilmente, e ognuno proferiva il suo spontaneo “Grazie”, dopo aver tenuto a lungo le manine in alto, ancor prima che il pane fosse tagliato; poi si allontanavano con la loro merenda saltellando, o alcuni, secondo il loro più tranquillo carattere, si avvicinavano quieti al portone per vedere i forestieri e la carrozza sulla quale doveva montare la loro Carlotta.
… La cugina le domandò se avesse finito di leggere il libro che le aveva mandato da poco. – No, rispose Carlotta, non mi piace e ve lo renderò: anche quello di prima non era migliore. – Rimasi meravigliato quando domandai di quali libri si trattasse e lei mi rispose… *.
Trovavo molto carattere in tutto ciò che lei diceva e a ogni sua parola vedevo nuove grazie, un nuovo raggio del suo spirito brillarle sul viso che si andava animando sempre più, perché‚ lei sentiva che io la comprendevo.
“Quando ero più giovane”, diceva, “nulla mi dilettava quanto i romanzi. Sa Dio come ero felice se potevo la domenica sedermi in un angolo e seguire con tutto il cuore le vicende liete o tristi di una Miss Jenny. Non nego che ancor oggi questo genere di libri abbia attrattiva per me; ma giacché molto raramente posso prendere in mano un libro, bisogna che esso almeno sia completamente di mio gusto. E l’autore che io preferisco è quello in cui ritrovo il mio mondo, e che fa la vita com’è la mia; allora la storia che mi racconta mi diventa interessante e intima come la mia propria vita domestica, che non è proprio un paradiso, ma che in complesso è una sorgente di felicità indicibile”.
Io facevo sforzi per nascondere la commozione che mi destavano quelle parole. Ma non potei durare a lungo, perché‚ quando la sentii parlare incidentalmente, con profonda verità del Vicario di Wakefield di… **, non potei più trattenermi, le dissi tutto quello che mi venne in mente, e solo qualche tempo dopo, quando Carlotta rivolse la parola alle altre, osservai che per tutto quel tempo erano rimaste con gli occhi spalancati, come se si fossero trovate in un altro mondo. La cugina mi guardava con aria canzonatoria, ma non me ne importava nulla.

… Durante la conversazione quanto mi beavo dei suoi occhi neri! E come le sue vivide labbra e le sue fresche guance mi rapivano l’anima! Ed ero così preso dall’alto significato dei suoi discorsi che non udivo le parole con le quali si esprimeva – e tu che mi conosci puoi farti un idea di questo. –
In breve scesi di carrozza come in preda a un sogno, quando ci fermammo davanti alla casa della festa, ed ero così perduto nelle mie fantasticherie, tra i bagliori del crepuscolo, che appena sentii la musica il cui suono scendeva fino a noi dalla sala illuminata.

———————————————————————————-

* Nota dell’autore: Si è creduto necessario sopprimere questo passo della lettera per non dare ad alcuno, motivo di lamento. Benché‚ in fondo ogni autore darebbe ben poca importanza al giudizio di una fanciulla e di un giovane.

** Nota dell’autore: Anche qui sono stati tralasciati i nomi di alcuni autori nazionali. Quelli che godono il favore di Carlotta lo sentiranno nel proprio cuore, se leggeranno questa pagina, e del resto nessuno ha bisogno di conoscere i gusti di lei.

Annunci

Un pensiero su “Come scatta l’amore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...