The House of Cards soffiata via da un voto misogino?

 

Quello che è successo questa notte sembra una rimasticatura del finale di House of Cards, con le trame dei corrotti democratici che falliscono tutte miseramente! House of cards: un finale così assurdo che neanche Donald Trump avrebbe potuto sperare di vedere!

Per quali motivi queste elezioni hanno portato alla vittoria del tycoon  più incredibile e volgare fin qui apparso nello scenario politico statunitense?

Secondo il politologo Jan-Werner Mueller il populismo incarnato da Donald Trump è la risposta dell’America profonda, bianca, lavoratrice, povera a un grappolo di paure: la paura della globalizzazione e della finanziarizzazione,  la paura di diventare una minoranza a fronte della crescita (percepita) di presenze  diverse: gli ispanici, i neri, i cinesi, gli islamici, i marziani forse..; e ancora la più concreta paura di essere espulsi dal mercato del lavoro, anche a causa della riduzione progressiva e fatale di importanza del settore manifatturiero e della corrispondente rigogliosa crescita del settore dei servizi avanzati (e non) dentro cui non c’è posto per un lavoro dequalificato.

E la risposta di Trump a questo grappolo di paure è perfetta: CHIUDETE LE PORTE in faccia al diverso! Chiudete le porte al potere economico e finanziario che vi schiaccia, agli stranieri che vi rubano il lavoro, alle diavolerie del progresso tecnologico…Ma anche: chiudete le porte a chi si discosta dal modello di una società tradizionalista, quasi mitologica del pionierismo del XIX secolo, , con al centro la famiglia patriarcale dove il ruolo della donna è circoscritto e confinato al focolare.

Chiudete quindi le porte in faccia a questa donna arrogante,  che si crede di poter sconvolgere l’ordine rassicurante della tradizione,  che ha la faccia tosta di dialogare con i “poteri forti” invece di stare accanto a un marito più potente,  che ha studiato e che coltiva  ambizioni!  Quasi più sconvolgente che portare alla Casa Bianca un uomo di colore, si direbbe.

Secondo Paul Krugman, l’economista premio Nobel, i democratici  – tra cui lui stesso si colloca – non hanno capito nulla del loro Paese: “We thought that the nation, while far from having transcended racial prejudice and misogyny, had become vastly more open and tolerant over time.” E invece così non è. Krugman sull’elezione di Trump

Un voto misogino, dunque, oltre che un voto contro il “Sistema”?

Ancora con Krugman, quella dell’8 novembre 2016 è stata una notte di “terribili rivelazioni” sulla quale però dovremmo interrogarci di più e più a fondo, non solo per capire quello che sta succedendo nel Paese più rilevante dell’Occidente. Ma anche perché …de te fabula narratur : la sinistra italiana ed europea deve capire alla svelta cosa succede in casa sua.

Annunci

Un pensiero su “The House of Cards soffiata via da un voto misogino?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...