Kafka, il necrologio di Milena

Si chiude sulle pagine distratte di un giornale l’amore più grande, il più difficile da definire, il più fedele e il più doloroso che Milena abbia avuto in sorte. (Donatella Sasso, La terribile ragazza di Praga, Effatà, Torino 2014)

http://machiave.blogspot.it/2013/01/milena-jesenska.html

Milena [Jesenská] scrisse anche un necrologio (Notizia del giorno, in ‘Narodni Listy’, 6 giugno 1924, apparso nella rivista ‘Forum’, Wien IX/97) del quale riporto un brano nella traduzione italiana: “(…) Il male gli conferì una sensibilità che sfiora il miracoloso e un rigore spirituale terrificante, tanto era alieno da qualsiasi compromesso; eppure, viceversa, fu anche un uomo che fece ricadere sulla malattia tutto il peso della propria angoscia di vivere. Era timido, timoroso, dolce e buono, ma scrisse libri crudeli e dolorosi. Vedeva il mondo popolato di demoni invisibili che lottano contro l’uomo indifeso e lo annientano. Era lungimirante, troppo saggio per poter vivere e troppo debole per combattere: ma la sua debolezza era quella degli uomini nobili e belli che non sanno misurarsi con la paura, i malintesi, la mancanza di amore e le menzogne intellettuali; degli uomini che consapevoli fin dall’inizio della propria impotenza, si lasciano soggiogare, ma coprono il vincitore di ignominia.”

http://www.cartacantalab.com/consigli-di-lettura/13-consigli-di-lettura/205-lettere-a-milena

http://machiave.blogspot.it/2015/09/milena-ritratto-di-kafka.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...