Dove si infila la differenza

Alessandro Casiccia

Al di là di tutte le sfumature sovrapposte non viene meno anche nella realtà presente del mondo la spaccatura verticale tra chi sta dentro e chi sta fuori, tra chi bene o male sta dentro i rapporti di produzione, per il fatto di ricevere una paga, anche se inadeguata, e chi se la deve cavare diversamente. Quanto allo stato dell’arte, ossia alle posizioni assunte dagli studiosi in materia, si può dire questo:  la sociologia mainstream, quando si è occupata di “classi”, ne ha assunto una definizione fondata in massima parte sui differenti livelli e le diverse fonti di reddito. In misura più limitata (ma non irrilevante) anche sullo stile di vita e i modelli di consumo. Tutto ciò ha sempre segnato una diversità rispetto all’analisi marxiana, dove “classe” è sostanzialmente inseparabile da “conflitto di classe”; e quest’ultimo attiene essenzialmente al “rapporto di produzione”, che implica tempo, lavoro, salario, formazione di valore.

Tra i due fondamenti adottati dalla sociologia (“reddito” e “stile” per brevità) non si registravano grandi squilibri, prima della grande svolta che sappiamo (e che viviamo).

Ora si percepisce sempre più una scissione tra i grandi livelli di “consumo” della superclasse e quelli accessibili alle restanti parti della società (la vasta, meno definita “middle class” potremmo dire, in via di proletarizzazione; e di sottoproletarizzazione). Una parte di questo “aggregato” percepisce drammaticamente l’assottigliarsi della distanza tra sé e la vasta massa oggetto a sua volta di progressiva esclusione. E tenta di reagire attraverso una strategia fatta di “segni”.  Segni di “distinzione” che configurano la “cultura della qualità”.

https://palomarblog.wordpress.com/2017/07/10/la-classe-aspirazionale/

The new, nearly invisible class markers that separate the American elite from everyone else

Helena Christensen and son Mingus Lucien Reedus seen strolling through Greenwich Village on a balmy winter's day-NYC

IMG_6091

Annunci

2 pensieri su “Dove si infila la differenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...